Regolamenti di uso

 

 

regolamenti di uso:

Regolamento della biblioteca

Arcimboldi 20bibliotecarioRegolamento di uso: la Biblioteca

 
La Biblioteca scolastica dell'Istituto Comprensivo 1, può essere utilizzata da docenti e allievi della scuola

Gli studenti, possono prendere in prestito un libro di narrativa per volta che deve essere riconsegnato al momento della successiva visita della classe.

I docenti possono prendere in prestito due volumi per 30 giorni.

Il prestito può essere rinnovato per ulteriori 15 giorni dandone comunicazione alla responsabile della biblioteca.

I volumi devono essere conservati adeguatamente, qualsiasi danno o smarrimento comporterà il reintegro dell'opera o di un volume simile.

I ritardatari verranno invitati alla riconsegna dell'opera mediante comunicazione scritta e dopo il terzo richiamo, saranno esclusi dal prestito.

I volumi devono essere riconsegnati in biblioteca tramite l'insegnante in occasione della visita successiva della classe in Biblioteca.

I volumi presi in prestito sono sotto la responsabilità dello studente o del docente al quale sono affidati come riportato sul registro prestiti, non possono, pertanto, essere passati o affidati ad altra persona.

Regolamento dei laboratori di informatica

 

rete_6453

Regolamento di uso: Laboratori di informatica

1. L’accesso al Laboratorio di Informatica è consentito durante l’orario scolastico:
- alle classi accompagnate da un docente della scuola;
- ai docenti, solo a scopi didattici (preparazione delle lezioni, ricerche in rete e uso di programmi finalizzati all’azione didattica);
- a singoli alunni, soltanto in presenza di un docente.

2. Gli insegnanti che desiderano utilizzare il Laboratorio di Informatica con la propria classe, devono PRENOTARE la propria lezione, preferibilmente con almeno un giorno di anticipo. La prenotazione dell’aula si effettua attraverso il REGISTRO ELETTRONICO.

2.1. Si accede al Registro Elettronico utilizzando le proprie credenziali.
2.2. Si accede nell’Agenda della classe per la quale si vuole prenotare l’aula.
2.3. Nella schermata dell’Agenda di classe, nel menu in alto si seleziona ‘Prenota Aule’.
2.4. Nella pagina ‘Prenotazioni Aule’ si seleziona l’aula che si vuole prenotare, in questo
caso ‘Laboratorio Multimediale’.
2.5. Una volta aperta la pagina si prenota indicando tramite l’apposita maschera la classe e data e ora in cui si utilizzerà l’aula.
2.6. Si conferma la prenotazione.

3. Prima del primo utilizzo, ogni insegnante deve contattare il responsabile per avere informazioni sull'uso del laboratorio e sul sistema delle password.

4. Le chiavi del laboratorio sono custodite dal Capo di Istituto e dai collaboratori scolastici.

5. Chiunque acceda al laboratorio è responsabile delle attrezzature, dei materiali e del loro corretto uso. Le apparecchiature alimentate elettricamente devono essere spente correttamente alla fine dell'uso.

6. E’ vietato al personale non autorizzato l’accesso agli armadi del Laboratorio di Informatica.

7. Il docente che accede al Laboratorio di Informatica con una classe dovrà firmare su apposito REGISTRO DELLE PRESENZE, indicando la data e l’ora della lezione.

8. Eventuali guasti o anomalie devono essere tempestivamente segnalati dagli utenti al docente che, tramite l'apposita colonna presente nel REGISTRO DELLE PRESENZE, provvederà a comunicare il malfunzionamento al responsabile del laboratorio.

Gestione dei Personal Computer e delle attrezzature presenti nel Laboratorio

9. Il responsabile del Laboratorio di Informatica, periodicamente, provvede ad effettuare un controllo di tutti i Personal Computer, dei software e dei file installati. Se i file salvati dagli utenti non rispettano le regole per l'archiviazione su disco rigido definite nel punto 20, il responsabile si riserva il diritto di rimuoverli. Se gli utenti hanno installato sui PC software non autorizzati, il responsabile si riserva il diritto di disinstallarli.

10. Se un docente ha necessità di installare un nuovo software sulle postazioni del Laboratorio, deve comunicarlo al responsabile del laboratorio che provvederà, una volta verificato che il software non interferisca con il Sistema Operativo installato, ad approvare ed effettuare o meno tale installazione.

11. Ogni spostamento delle macchine, stampanti, apparecchiature deve essere prima concordato ed effettuato dal responsabile di laboratorio.

12. I docenti che accedono al prestito di apparecchiature, previa l’approvazione del responsabile del laboratorio, devono compilare l’apposito REGISTRO UTILIZZO BENI presente nel Laboratorio di Informatica. Dovrà essere indicata l’attrezzatura prelevata, il nome del docente, data e ora del prestito, e, alla restituzione, data e ora di restituzione. I docenti che accedono al prestito sono responsabili a tutti gli effetti del materiale prelevato e rispondono in prima persona di eventuali danni e rotture.

Responsabilità dei docenti che accompagnano gli alunni

13. E’ compito del docente che accede al laboratorio curare l’apertura e chiusura dell’aula e verificare all'uscita dal laboratorio lo spegnimento di tutte le attrezzature utilizzate. L'insegnante di classe è responsabile di danni o cattivo funzionamento delle apparecchiature, materiali e strutture durante l'utilizzo.

14. Il docente che svolge la lezione in laboratorio è tenuto a vigilare sul comportamento degli alunni in merito all’uso delle attrezzature e del relativo software.

15. L'insegnante che abbia difficoltà nell'uso delle apparecchiature deve chiedere chiarimenti al responsabile del laboratorio. Nessun alunno, per quanto esperto, può essere incaricato di risolvere problemi tecnici o di funzionamento.

16. Per ogni classe si provvederà ad assegnare stabilmente l’alunno o gruppi di alunni ai computer, secondo una SCHEDA ASSEGNAZIONE POSTAZIONI da conservare in laboratorio e consegnare al responsabile.

17. Il laboratorio deve essere riconsegnato in perfetto ordine, reiterate inadempienze faranno perdere alla classe o al docente il diritto all'uso. Durante la permanenza nel laboratorio gli allievi e il docente sono tenuti ad un comportamento rispettoso sia delle norme vigenti nell’Istituto sia di quelle specifiche del laboratorio. In particolare nel laboratorio:

17.1 gli alunni devono portare solo il materiale necessario per lo svolgimento della lezione, lasciando nella propria classe zaini, cartelle o borse;
17.2 è proibito consumare cibi e bevande in prossimità delle postazioni per evitare di causare malfunzionamenti nelle tastiere e nelle altre periferiche;
17.3 gli alunni prima di uscire dal laboratorio, avranno cura di sistemare le sedie e gettare negli appositi contenitori eventuali fogli di appunti da cestinare o altro materiale di scarto.

18. La stampa dei documenti è disciplinata dalle seguenti norme:

18.1 non si deve usare una stampante diversa da quella configurata e comunque non deve essere variata la configurazione presente;
18.2 il docente deve vigilare le sessioni di stampa da parte degli alunni per evitare sprechi di toner e carta;
18.3 gli alunni possono utilizzare la stampante solo su autorizzazione del docente di classe e per stampe di lunghezza limitata; eventuali stampe lunghe sono in genere vietate, in casi eccezionali devono essere espressamente autorizzate dal responsabile del laboratorio;
18.4 va evitata, per quanto possibile, la stampa di fotografie, diapositive e presentazioni grafiche sia perché consumano un’eccessiva quantità di inchiostro, sia perché, essendo lavori ipertestuali, è preferibile registrali in supporti multimediali; attenzione alle stampe da pagine web, selezionare il materiale da stampare;
18.5 sono vietate stampe di documenti per uso personale.

19. L’utilizzo delle attrezzature e l’accesso a Internet è disciplinato dalle seguenti norme:

19.1 i computer devono essere accesi e spenti solo su autorizzazione del docente;
19.2 il desktop non deve subire variazioni con l’inserimento di foto personali e devono restare attive le barre dei menù standard;
19.3 è possibile l’utilizzo di CD / DVD / penne USB personali solo previa autorizzazione del docente che avrà cura di sottoporli a scansione con programmi antivirus;
19.4 è vietata l’installazione di software sia d’uso commerciale sia in distribuzione gratuita, recata a titolo personale, poiché questa potrebbe interferire con il corretto funzionamento del Sistema Operativo;
19.5 l’accesso a internet da parte degli alunni può avvenire solo in presenza e con il controllo di un insegnante;
19.6 è vietato ‘scaricare’ file musicali, foto, filmati e file multimediali salvo quelli necessari per le finalità didattiche e comunque prima di farlo è necessario chiederne l’autorizzazione al docente (*);
19.7 è vietato alterare le opzioni del software di navigazione o sostituirlo con altri browser;
19.8 è vietato effettuare copie del software presente nelle postazioni;
19.9 è vietata la visita di siti non connessi all’attività didattica durante la navigazione su internet;
19.10 a nessun utente è consentito cancellare i software installati;
19.11 non è consentito l’uso di internet per motivi personali

(*) si richiama in proposito l’osservanza delle norme per il rispetto del diritto di autore e del copyright.

20. I lavori prodotti dalle singole classe, o gruppi di alunni e docenti non devono mai essere salvati sul desktop. Nel caso sia necessario effettuare l’archiviazione sul disco rigido di file-dati, è obbligatorio collocare tali file in una sottodirectory:

nella cartella Documenti
se non esiste, creare la directory 3[sezione][anno in cui la classe farà la terza] (la directory resterà quindi sempre la stessa per i 3 anni della scuola secondaria di primo grado)
nella nuova directory, salvare il file seguendo per il nome le indicazioni fornite dal docente.

Seguendo questo LINK si accede al manuale del programma Teachlab che permette il controllo dell'aula/laboratorio

Regolamento dell'uso dei dispositivi e della rete

telefonino scuola

Regolamento di uso: dispositivi e  rete 

La tecnologia fornisce agli studenti modalità uniche e potenti per incrementare la loro cultura. Il Comprensivo1 sostiene l’uso della tecnologia allo scopo di accrescere e sostenere l’apprendimento e cerca di offrire agli studenti accesso alle reti informatiche così che possano avvalersi della tecnologia in qualsiasi momento dell’attività didattica.

I vari device (sia della scuola che personali) sono strumenti didattici da utilizzare quotidianamente a scuola per attività predisposte dagli insegnanti e a casa per continuare tali attività, per svolgere compiti e/o studiare. Si chiede pertanto la collaborazione di alunni e famiglie per una corretta gestione dei device.

- prendersi cura del proprio device, non lasciarlo incustodito e riportarlo a casa alla fine della giornata: la scuola non può essere responsabile della sicurezza dei dispositivi;

- non prendere/dare in prestito dispositivi; ogni studente è responsabile del proprio;

- caricare quotidianamente i dispositivi affinché siano funzionanti, poiché in classe non sarà consentito caricarli;

- ascoltare le direttive degli insegnanti e svolgere le consegne date, senza prendere

iniziative personali; non utilizzare il device per attività non indicate o scopi non funzionali alla didattica

- non usare dispositivi di registrazione audio, videocamere o fotocamere (o nessun dispositivo che li preveda, computer portatili, tablet, ecc.) per registrare media o fare foto a scuola senza avere il permesso dei membri dello staff e di chi stanno registrando.

- non usare Internet per scopi diversi da quelli didattici;

- non scaricare musica, video e programmi da internet o qualsiasi file di grandi dimensioni;

- rispettare e proteggere la proprietà intellettuale altrui.

- il Comprensivo1 si riserva il diritto di monitorare le attività online degli utenti e accedere, controllare, copiare, raccogliere o cancellare ogni comunicazione elettronica o file e rivelarli ad altri se ritenuto necessario.

- l’Amministrazione scolastica può ispezionare la memoria del dispositivo dello studente se ritiene che le regole scolastiche non siano state rispettate: questo comprende, ma non è limitato a, registrazioni audio e video, fotografie scattate nelle pertinenze scolastiche e che violano la privacy altrui, o ogni altra questione legata a bullismo, ecc.

- L’accesso al network Comprensivo1 è un privilegio, non un diritto.

- L’uso della tecnologia, sia essa proprietà della scuola o un dispositivo individuale, comporta responsabilità personali.

Sanzioni per il mancato rispetto del suddetto accordo:

Il mancato rispetto di questi termini e condizioni potrà risultare nella temporanea o permanente perdita di accesso nonchè in altre azioni disciplinari e legali, se necessarie. Gli studenti saranno ritenuti responsabili delle loro azioni e sono incoraggiati a segnalare immediatamente ogni uso irregolare.

 

Regolamento palestra

 

Regolamento della palestra

palestra 

Art. 1 – La Scuola Secondaria di 1°grado “A.Moro” dispone di una palestra e di un campo esterno. Sono disponibili anche due spogliatoi (uno per gli uomini ed uno per le donne), con relativi servizi igienici.

Art. 2 – L’orario di utilizzo della palestra si divide in antimeridiano e pomeridiano. L’antimeridiano va dalle ore 8.10 alle ore 14.10 ed il pomeridiano dalle 14.30 fino al termine delle attività.

Art.3 – L’accesso alla palestra è consentito solo durante le ore di attività motoria e di educazione motoria, in presenza del docente specifico.

Art.4 - Giunti in palestra, gli alunni che ne sono sprovvisti, si recheranno negli spogliatoi per indossare gli indumenti idonei : scarpe da ginnastica, tute o magliette e pantaloncino. Gli stessi, se al termine della lezione avranno la necessità di cambiarsi, avvertiranno in tempo utile (circa dieci minuti prima della fine dell’ora), il docente che concederà loro il permesso di recarsi nello spogliatoio.

Art.5- Palestra, spogliatoi e servizi igienici dovranno essere tenuti sempre puliti ed in ordine.

Art.6- Gli alunni non devono imbrattare con scritte alcuna superficie, sia della palestra che degli spogliatoi. Coloro i quali non rispetteranno questa norma verranno segnalati con nota scritta sul registro elettronico.

Art.7- Gli alunni devono permanere negli spogliatoi solo il tempo strettamente necessario a cambiarsi.

Art. 8- Gli alunni possono recarsi al bagno solo una volta e solo con autorizzazione del docente.

Art.9- E’ assolutamente vietato consumare cibi in tutti gli spazi della palestra.

Art.10- Gli alunni devono munirsi di un sacchetto che contenga i propri effetti personali (chiavi,denaro,orologi,telefono,ecc).

Art.11- Durante l’ora di lezione non devono lasciare effetti personali negli spogliatoi se non assumendosene la totale responsabilità.

Art. 12- In palestra è assolutamente vietato l’uso del telefono o di apparecchi atti a telefonare, fotografare, filmare,ecc.

Art.13- E’ assolutamente vietato utilizzare qualsiasi attrezzo se non su richiesta ed in presenza del docente. Al termine delle lezioni gli attrezzi dovranno essere rimessi al loro posto.

Art.14- Gli alunni che, per motivi di salute, non possono partecipare attivamente alle lezioni pratiche, porteranno una giustificazione scritta dai genitori. Per periodi prolungati di esonero dalle attività,sempre per motivi di salute, si dovrà presentare richiesta scritta al Dirigente Scolastico presentando un valido certificato medico. Tali alunni sono ugualmente tenuti a seguire le lezioni e potranno essere impiegati in compiti di giuria o di arbitraggio.

Art. 15- Qualunque oggetto o indumento che venga dimenticato in palestra dagli alunni ,sarà custodito dai collaboratori scolastici per due settimane. Dopo tale periodo, se non reclamato, il tutto verrà devoluto in beneficienza.

Art. 16- Si ricorda che, il docente di educazione motoria, è tenuto a fare l’appello in classe e ,successivamente, ad accompagnare gli alunni in palestra vigilando per l’intero tragitto. Al termine dell’attività pratica il docente stesso riaccompagnerà gli alunni in classe cinque minuti prima del suono della campanella. 

COMPORTAMENTO E SICUREZZA

1. Tutti coloro che usufruiscono della palestra devono calzare scarpe da ginnastica (riservate all’uso in palestra) e ben allacciate.
2. Durante l’orario scolastico non è consentito l’utilizzo delle palestre da parte di enti o istituzioni diverse dall’istituto, salvo in casi autorizzati.
3. L’accesso alla palestra è regolamentato secondo l’orario scolastico stabilito ed è consentito solo durante le ore di attività motoria ed in presenza dell’insegnante specifico o altro insegnante abilitato. Non sono ammesse in palestra le classi al di fuori degli orari stabiliti, salvo in casi autorizzati.
4. In casi particolari, e solo ed esclusivamente per attività scolastiche, l’attrezzatura può essere utilizzata al di fuori della palestra previa richiesta scritta del docente referente dell’attività e relativa autorizzazione.
5. Le attrezzature di palestra non devono essere cedute in uso a terzi, salvo esplicito e preventivo accordo con il Dirigente scolastico.

COMPETENZE DELL’INSEGNANTE

1. All’inizio di ogni anno scolastico gli insegnanti devono informare gli alunni sulle norme di sicurezza e far conoscere la segnaletica e le vie di fuga.
2. I docenti di educazione fisica devono prendere visione del “DVR” esposto nella bacheca della sicurezza dell’istituto e pubblicato sul sito della Scuola.
3. Gli insegnanti provvedono a prelevare gli alunni dalle rispettive classi e a riaccompagnarveli alla fine della lezione, rispettando rigorosamente l’orario.
4. Gli insegnanti di educazione fisica, sono responsabili della conservazione degli ambienti e delle attrezzature.
5. Le piccole attrezzature di palestra devono essere conservate in apposito locale (o armadio) chiuso a chiave; le chiavi sono a disposizione di tutti gli insegnanti di Attività motoria e custodite presso gli Uffici di Segreteria; l’utilizzo da parte degli studenti, di tali attrezzature è regolato dall’insegnante di educazione fisica 6. Ogni insegnante è responsabile durante lo svolgimento delle lezioni, del corretto utilizzo dei piccoli e grandi attrezzi; il riordino dei grandi attrezzi è a carico dei collaboratori scolastici in accordo con i docenti e debitamente autorizzato.
7. Ogni docente cura che i piccoli attrezzi siano riposti dagli allievi, in maniera ordinata negli appositi spazi prima che le classi lascino la palestra, verificando che gli attrezzi siano tutti presenti e non danneggiati.
8. I danni alle attrezzature, degli arredi e degli ambienti annessi alla palestra, anche soltanto per usura e normale utilizzazione, vanno segnalati al Dirigente Scolastico.
9. La segnalazione di un eventuale danneggiamento volontario, anche se non se ne conosce il colpevole, va fatta immediatamente dopo il suo accertamento al fine di poter individuare il o i responsabili, trascorso il tempo utile per la suddetta individuazione verrà ritenuto responsabile lo stesso docente per non aver ottemperato in modo adeguato ai compiti di vigilanza.
10. Ogni insegnante è responsabile del materiale prelevato per utilizzazioni al di fuori dell’ambiente scolastico. 11. Ogni insegnante è responsabile dell’incolumità degli alunni; è fatto divieto di abbandonare gli stessi durante lo svolgimento delle attività.
12. In caso di infortunio dell’alunno attuare quanto indicato nel “PIANO DI PRIMO SOCCORSO”.
13. Durante l’attività in palestra l’insegnante dovrà adoperarsi affinché non accedano agli ambienti per le attività sportive, estranei; sono considerati estranei anche gli alunni di una classe non autorizzata all’accesso in palestra; non sono considerati estranei gli esperti per le attività previste dal POF (ed in generale persone esplicitamente autorizzate).

COMPETENZE DEGLI ALLIEVI

1. Gli alunni, accompagnati dal proprio docente, si recheranno negli spogliatoi ( per la scuola secondaria) o in palestra per indossare obbligatoriamente gli indumenti idonei alla attività pratica ovvero scarpe ginniche, tuta (o maglietta e pantaloncini) di tessuto elastico, priva di fibbie o parti metalliche pericolose e adeguata alla temperatura sia dell’ambiente interno che, eventualmente, esterno; è auspicabile portare anche un asciugamano.
2. È d’obbligo mantenere un comportamento corretto, osservando le disposizioni impartite dall’insegnante.
3. È vietato usare gli attrezzi in modo scorretto e pericoloso per sé e per gli altri
4. Gli alunni sono invitati a non portare e a non lasciare incustoditi oggetti di valore nella palestra. Gli insegnanti e il personale addetto alla palestra non sono obbligati a custodire tali oggetti e non sono tenuti a rispondere di eventuali ammanchi.
5. Ogni infortuno deve essere comunicato immediatamente all’insegnante, che provvederà a porre in essere le misure necessarie.
6. Eventuali danneggiamenti volontari alla struttura della palestra e/o agli oggetti ed attrezzi debbono essere addebitati al/ai responsabile/i, oppure all'intera classe presente quel giorno qualora non si riesca ad individuare il responsabile.
7. Ogni classe deve avvertire immediatamente all’inizio del proprio turno di lezione il docente di eventuali danni riscontrati in palestra, e nei locali annessi, e segnalare tempestivamente quelli involontariamente procurati durante le proprie ore di lezione.
8. Al termine della lezione, ogni alunno dovrà riporre correttamente i piccoli attrezzi utilizzati (palloni, cerchi, coni, etc).

 

Regolamento visite e viaggi di istruzione

 Regolamento visite e viaggi di istruzione

 Travel blogger per un giorno

 

PREMESSA

I viaggi di istruzione, le visite guidate, gli scambi culturali, rappresentano per gli alunni un’occasione formativa. Tali iniziative hanno valenza didattica e integrano la normale attività della scuola contribuendo alla formazione dei discenti. I viaggi di istruzione, difatti, favoriscono la socializzazione lo sviluppo delle dinamiche socio—affettive e relazionali degli allievi ampliandone al contempo gli orizzonti culturali le conoscenze.

 Il presente regolamento si fonda sulla normativa vigente ed è stato elaborato tenendo presenti le esigenze dell’Istituto nell’ambito dell’autonomia della scuola.

ART.1. USCITE DIDATTICHE VISITE GUIDATE/VIAGGI D’ ISTRUZIONE E VIAGGI CONNESSI AD ATTIVITA SPORTIVE

I docenti programmano le attività in oggetto all’inizio di ciascun anno scolastico, seguendo i criteri stabiliti dal Consiglio di Istituto, inserendole nella programmazione di classe. Prima di essere effettuate, esse dovranno approvate dal Consiglio di Classe, di Interclasse e di Intersezione, e autorizzate dal Dirigente, dopo aver accertato che siano coerenti con la programmazione.

Col presente Regolamento il Consiglio di Istituto disciplina i vari tipi di uscite dalla Scuola da parte delle scolaresche o di gruppi di alunni e che possono essere articolate in:

  • Uscite didattiche
  • Visite guidate e viaggi di integrazione culturale
  • Viaggi connessi ad attività sportive

Natura e caratteristiche.

Uscite didattiche: le attività compiute dalle classi al di fuori dell’ambiente scolastico (ricognizione a piedi o con lo scuolabus), ma direttamente sul territorio circostante (per interviste, per visite ad ambienti naturali, a luoghi di lavoro, a mostre ed istituti culturali….),che si trovano nel proprio quartiere e nel proprio paese.

Visite guidate e viaggi di integrazione culturale: le visite che le scolaresche effettuano in comuni diversi dal proprio per una durata uguale o superiore all’orario scolastico giornaliero. Le Visite Guidate si effettuano presso parchi naturali, località di interesse storico – artistico, complessi aziendali, monumenti, mostre, gallerie, Città d’Arte……,).

Viaggi connessi ad attività sportive: specialità sportiva tipicizzata, escursioni, campeggi, settimane bianche, campi scuola.

Circa le Uscite nel territorio si devono rispettare le seguenti condizioni:

  • è opportuno che gli insegnanti acquisiscano il consenso scritto delle famiglie, che può essere unico per tutte le uscite che si prevede di effettuare nell’anno scolastico; l’autorizzazione va consegnata in Segreteria;
  • l’uscita viene decisa dagli insegnanti di classe e può essere effettuata in qualsiasi momento della giornata scolastica;
  • gli insegnanti devono informare, per iscritto il Dirigente Scolastico, almeno due giorni prima dell’uscita nel territorio;
  • nella comunicazione vanno specificati meta e orario previsti nonché le motivazioni educativo-didattiche;
  • gli insegnanti adotteranno tutte le misure di sicurezza e vigilanza.

 

Circa le Visite Guidate Viaggi di Istruzione ed i Viaggi connessi ad attività sportive si devono rispettare le seguenti condizioni:

  • elenco nominativo degli alunni partecipanti, divisi per classe di appartenenza;
  • elenco nominativo degli alunni non partecipanti, con giustificazione dell’assenza
  • dichiarazione di consenso delle famiglie
  • elenco nominativo degli accompagnatori e dichiarazione sottoscritta dagli stessi circa l’impegno a partecipare al “viaggio” con l’assunzione dell’obbligo della vigilanza
  • analitico programma del viaggio e preventivo di spesa;
  • dettagliata relazione concernente gli obiettivi culturali didattici posti a fondamento del “progetto di Viaggio”;
  • relazione finale a conclusione del “viaggio”.

Tutta la documentazione prodotta deve essere sottoscritta dai docenti organizzatori e/o accompagnatori.

Tutte le iniziative devono essere inquadrate nella programmazione didattica della scuola e devono essere coerenti con gli obiettivi didattico – formativi propri dell’Istituto.

Competenze e procedure

La procedura relativa alla programmazione, progettazione ed attuazione delle Visite Guidate o dei Viaggi  d’Istruzione, costituisce per la complessità delle fasi e delle competenze un vero e proprio procedimento amministrativo.

Affinché siano regolati tempestivamente e con efficacia gli aspetti didattici, organizzativi, finanziari e di regolarità procedurale, il piano annuale delle Visite e dei Viaggi deve essere predisposto dal Collegio dei Docenti entro il mese di Novembre di ogni anno. Al piano delle “Uscite”, che è da intendersi vincolante, potranno essere apportate delle modifiche in casi motivati.

ART.2. DESTINAZIONE

Gli alunni della scuola dell’Infanzia possono partecipare a uscite didattiche a piedi o con lo scuolabus nell’ambito del territorio dell’Istituto Comprensivo. Non si esclude la possibilità di uno “sconfinamento” in altra provincia allorché la località prescelta sia confinante o prossima.

Per gli alunni delle classi 1^ e 2^ di scuola primaria gli spostamenti avvengono, di norma, nell’ambito della provincia

Per gli alunni delle classi 3^ – 4^ – 5^ di scuola primaria gli spostamenti avvengono, di norma, nell’ambito della regione. Non si esclude la possibilità di uno “sconfinamento” in altra provincia o regione allorché la località prescelta sia confinante o prossima.

Per gli alunni delle classi  5^ di scuola primaria e  scuola secondaria di I° grado gli spostamenti avvengono, di norma, sul territorio nazionale.

Non si esclude la possibilità di mete estere, se collegate a progetti specifici di studio delle lingue straniere o ad iniziative di gemellaggio.

ART.3. DURATA DEI VIAGGI E PERIODI DI EFFETTUAZIONE

Il periodo massimo in un anno utilizzabile per le Visite Guidate e Viaggi di Istruzione è di dieci giorni per ciascuna classe; limite che non può essere superato se non in presenza di uno specifico progetto di attività formativa e di rilevante interesse, previa delibera del Consiglio di Istituto.

Si può derogare al divieto di cui al punto 3.b) solo per l’effettuazione di viaggi connessi ad attività sportive o di attività collegate con l’educazione ambientale.

Non è possibile compiere Visite o Viaggi di Istruzione negli ultimi 30 giorni di scuola salvo che per le attività sportive o per quelle collegate con l’educazione ambientale.

ART.4. DOCENTI ACCOMPAGNATORI

Gli accompagnatori degli alunni in Uscite didattiche, Visite Guidate, Viaggi di Istruzione, Viaggi connessi ad attività sportive, vanno individuati tra i docenti appartenenti alle classi degli alunni che partecipano al viaggio. Gli accompagnatori dovranno essere non meno di uno ogni 15 alunni. In sede di programmazione dovranno essere individuati anche eventuali docenti supplenti.

La partecipazione alle Uscite Didattiche ,Visite o Viaggi d’ Istruzione, Viaggi connessi ad attività sportive rimane limitata agli alunni e al relativo personale; eventualmente è consentita la partecipazione dei familiari (su richiesta  degli interessati e previa autorizzazione del Dirigente Scolastico).

Nel caso di partecipazione degli alunni diversamente abili, è compito dei Consigli di Classe provvedere alla designazione di un accompagnatore(non necessariamente il docente di sostegno),  nonché predisporre ogni altra misura di sostegno commisurata alla gravità del disagio.

La responsabilità della vigilanza è esclusivamente del personale accompagnatore.

I docenti accompagnatori devono portare con sé un modello di denuncia di infortunio e l’elenco dei numeri telefonici della scuola compreso il numero del fax.

ART.5. DESTINATARI

Le Visite e i Viaggi di Istruzione devono essere predisposti per le classi intere. Il limite di partecipazione affinché venga concessa l’autorizzazione è fissato in 2/3 degli alunni partecipanti.

E’ necessario che venga acquisito il consenso scritto dei genitori ai quali dovrà essere comunicato il programma particolareggiato con le indicazioni delle località.

Gli alunni che non partecipano all’iniziativa sono affidati ai docenti della classe parallela o contigua, i quali diventano responsabili del minore fino al rientro dei docenti titolari.

In riferimento  all’art.10 comma 2a  del Regolamento d’istituto approvato con delibera  n. 12 del verbale n.4 del 14/01/2016, gli alunni che avranno dimostrato “ mancato rispetto delle regole di funzionamento e di convivenza della comunità scolastica” e tale mancanza sia stata segnalata con almeno tre note disciplinari potranno, su delibera del Consiglio di Classe, essere esclusi da visite e/o viaggi d’istruzione

ART.6. TRASPORTI

Per le uscite, visite o viaggi d’istruzione che prevedono l’utilizzo dello scuolabus Comunale e/o le Ditte di trasporto designate dal Consiglio d’Istituto, le richieste di autorizzazione devono essere inviate alla Segreteria (modulistica completa e tagliando di versamento effettuato) almeno10 giorni prima dell’effettuazione dell’uscita

Nel caso venga utilizzato il mezzo di trasporto messo a disposizione dal teatro, museo ,ecc. , deve essere, comunque, acquisita dagli insegnanti interessati la documentazione prevista dalla normativa.

Il numero dei partecipanti all’ Uscita (alunni e accompagnatori) nel caso questa si effettui a mezzo pullman, deve rigorosamente corrispondere al numero dei posti indicati dalla carta di circolazione dell’automezzo.

ART.7. PAGAMENTO

Il versamento della quota relativa all’uscita non deve avvenire nel periodo 15 Dicembre/20 Gennaio per chiusura operazioni amministrativo-contabili. E’ vietata qualsiasi gestione fuori bilancio, perciò nessun docente può utilizzare direttamente le somme raccolte per l’organizzazione di Visite Guidate, Viaggi di Istruzione, attività culturali, sportive e ricreative.

Il costo delle uscite è a totale carico delle famiglie, che provvederanno a versare la quota stabilita alla Banca Cassiera dell’Istituto.

La ricevuta del versamento deve essere tassativamente consegnata in segreteria prima della data di effettuazione della visita o del viaggio, 10 giorni prima per uscite didattiche e viaggi d’istruzione, 15 giorni per i campi scuola.

ART. 8. ORGANIZZAZIONE

Il Dirigente Scolastico all’inizio dell’anno scolastico individua per ogni ordine di scuola un referente del piano delle uscite e dei viaggi d’istruzione.

Il piano delle uscite e dei viaggi d’istruzione di ogni singola classe, con l’indicazione della meta, del periodo in cui si intende effettuare l’uscita, nonché delle motivazioni della stessa deve essere approvato dal consiglio di classe, dal consiglio d’interclasse o intersezione . Il Consiglio demanda al Dirigente Scolastico la relativa autorizzazione.

Per le Visite Guidate, Viaggi di Istruzione e Viaggi connessi ad attività sportive vanno acquisite di volta in volta le autorizzazioni delle famiglie degli alunni.

Per le uscite didattiche va richiesta l’autorizzazione con un congruo anticipo al Dirigente Scolastico e i docenti possono acquisire dai genitori una autorizzazione unica per tutto l’anno scolastico, salvo comunicare alle famiglie di volta in volta l’uscita che si effettuerà.

Al termine di un campo scuola i docenti sono tenuti ad una relazione sulla esperienza fatta.

 ART.9. ASSICURAZIONI

Tutti i partecipanti (alunni e docenti accompagnatori) a Viaggi o Visite d’Istruzione, devono essere garantiti da polizza assicurativa contro gli infortuni. Connesso con lo svolgimento delle gite scolastiche, è il regime delle responsabilità, soprattutto riferite alla cosiddetta “culpa in vigilando”. In sostanza il docente che accompagna gli alunni nel corso delle “uscite” didattiche, deve tener conto che continuano a gravare su di esso, pur nel diverso contesto in cui si svolge l’attività scolastica, le medesime responsabilità che incombono nel normale svolgimento delle lezioni. In concreto esse riguardano l’incolumità degli alunni affidati alla sorveglianza e i danni eventualmente provocati a terzi a causa dei comportamenti dei medesimi alunni. In entrambi i casi il comportamento degli accompagnatori deve ispirarsi alla cautela legata alla tutela di un soggetto: l’alunno di minore età, giuridicamente incapace.

Il Consiglio d’Istituto delibera annualmente la stipula di polizza a copertura della responsabilità civile per eventuali danni a terzi e la stipula di una eventuale polizza integrativa contro gli Infortuni.

Per gli alunni la quota è a carico delle famiglie.

ART. 10 RESPONSABILITÀ DELLE FAMIGLIE

Sarà cura delle famiglie:

- compilare il modulo di adesione all’iniziativa con consapevolezza che l’adesione risulta vincolante;

- versare le quote previste nei tempi definiti secondo le modalità comunicate;

- accompagnare e riprendere gli studenti con puntualità nei luoghi e nei tempi concordati e comunicati;

- informare la scuola riguardo eventuali intolleranze/terapie mediche, ecc….

ART. 11 CONCLUSIONI

Il presente regolamento è stato predisposto ed approvato dal Consiglio d’Istituto in data 26. 01.2017. Entra in vigore a partire dall’anno scolastico 2016/2017 e potrà essere modificato in qualsiasi momento dal suddetto organo.

Per gli aspetti generali e per quanto non previsto dal presente Regolamento si rinvia alla normativa vigente le cui disposizioni in materia di viaggi di istruzione sono contenute in diversi orientamenti normativi, in particolare: nella Circolare Ministeriale n. 253 del 14.08.1991; nella Circolare Ministeriale n. 291 del 14.10.1992; nella Ordinanza Ministeriale n. 132 del 15.05.1990; nella Circolare Ministeriale n. 623 del 02.10.1996; nel Decreto legislativo n. 111 del 17.03.1995, che dà attuazione alla Direttiva 314/90/CEE concernente i pacchetti turistici ed in ogni loro eventuale successiva modificazione ed integrazione. D.I. n.44del2001/Nota ministeriale prot.645/2000 Nota Ministeriale prot. 1902 del 20/12/02 Nota Ministeriale prot. 316 del 21/03/03 Nota Ministeriale prot. 1385/2009 Nota Ministeriale n. 3630/2010 Artt. n.1321;1326;1328;2043 Codice Civile Il presente Regolamento resta affisso all’Albo e sul Sito dell’Istituto nei modi di legge.

REGOLE DI COMPORTAMENTO

 

Prot. n. 382 del 26 gennaio 2017 delibera del Consiglio d’Istituto n. 100  del 26 gennaio 2017

A ) Responsabilità della Famiglia:

  • La famiglia è obbligata ad informare i docenti accompagnatori in caso di allergie/asma/intolleranze o problemi di salute importanti e a controllare che il/la figlio/a porti con sé i farmaci appositi.
  • La famiglia è responsabile di eventuali aggravamenti di salute, crisi, ricoveri ecc., in caso non abbia informato i docenti su problemi di salute prima della partenza oppure non abbia messo nella valigia del figlio i farmaci appositi.
  • La famiglia deve dare al figlio i farmaci che assume di solito per disturbi lievi (es. Tachipirina, Vivin C, Aspirina, farmaci per mal di gola, per calmare tosse ecc. ecc.)

B ) Compiti dei Docenti Accompagnatori:

A bordo del pullman.

  • Per prevenire episodi vandalici, all’inizio e alla fine del viaggio controllare, insieme al conducente, le condizioni del mezzo: se si saranno verificati danni o sottrazioni di componenti d’arredo del pullman, quali tende, posacenere, sedili, braccioli, cuffie poggiatesta, luci di cortesia, plafoniere ecc., il danno economico sarà addebitato all’intero gruppo se non sarà individuato il responsabile.
  • Controllare che gli studenti tengano un comportamento corretto durante il viaggio.
  • Controllare che gli studenti non tengano i seguenti Comportamenti Vietati: consumare cibi e bevande, disturbare conducente e passeggeri.

Sistemazione alberghiera.

All’arrivo in hotel:

  • verificare  se vi sono danni nelle camere insieme a uno studente e comunicarlo alla reception; prima della partenza per il ritorno, eventuali danni agli arredi non presenti all’arrivo, saranno addebitati a tutti gli occupanti la camera se non sarà individuato il responsabile.

Controllare che gli studenti evitino i seguenti Comportamenti Vietati:

  • Parlare a voce alta nelle camere e nei corridoi, sbattere le porte.
  • Sporgersi da finestre o balconi.
  • Uscire dalla propria camera dopo l’orario concordato con i docenti.
  • Uscire dall’hotel senza essere accompagnati da un docente

C) Comportamento degli studenti

Ore notturne.

  • Le ore notturne sono dedicate al riposo, per questo motivo la sera, gli studenti non possono uscire dalla propria camera dopo l’orario concordato con i docenti per il riposo notturno: in qualsiasi momento i docenti potranno fare un controllo delle camere e gli studenti sono tenuti ad aprire la porta immediatamente dopo che essi avranno bussato.
  • Nel caso fosse richiesto l’intervento dei docenti dal portiere di notte o da altri ospiti dell’hotel a causa di comportamenti rumorosi o irriguardosi, il fatto costituirà, per gli studenti, un’aggravante nel momento della sanzione disciplinare che sarà data dal Consiglio di Classe al ritorno dal viaggio.

 Oggetti di valore.

  • In luoghi affollati controllare che gli studenti indossino lo zaino davanti al corpo, non sulle spalle.
  • In caso di furto/smarrimento di oggetti, il responsabile è il proprietario e i docenti sporgeranno denuncia alle autorità competenti.

Pranzo libero e/o al sacco.

  • Il pranzo non organizzato, cosiddetto “libero”, deve essere consumato nel momento e luogo concordati con gli studenti.
  • Bevande: è permesso acquistare/consumare solo acqua e bibite analcoliche: ogni abuso (acquistare, consumare o portare da casa bevande alcoliche, anche a bassa gradazione), sarà punito a norma del Regolamento di Istituto.
  • Gli studenti devono informare i docenti per ogni spostamento dal gruppo di riferimento: attardarsi in luoghi senza avvertire o altre iniziative personali non autorizzate saranno sanzionate con provvedimenti disciplinari.
  • Il comportamento durante i pasti deve essere rispettoso dei luoghi e delle persone che li frequentano.

Telefono.

  • Durante le visite i cellulari devono essere spenti; è permesso usarli solo nei seguenti momenti: prima dei pasti (colazione, pranzo e cena), dopo cena e in camera; l’uso del cellulare in momenti non permessi prevede il ritiro del cellulare stesso e la riconsegna a un genitore dopo il ritorno dal viaggio.

Attività Visite guidate.

  • Verifica in itinere: il viaggio d’Istruzione è attività didattica fuori dalla scuola, quindi  i docenti, attraverso l’osservazione degli studenti, verificheranno il loro grado di coinvolgimento, le attività svolte sul campo, l’interesse e l’attenzione nell’ascolto delle guide, il comportamento durante le attività. Al ritorno sarà verificata l’efficacia del viaggio tramite attività di verifica di vario tipo.
  • Controllare che gli studenti non tengano i seguenti Comportamenti Vietati: Telefonare/Rispondere al telefono, mandare/leggere messaggi, nei momenti non consentiti,

Privacy.

Controllare che:

  • venga rispettato il divieto di foto/riprese previsto in luoghi d’arte o religiosi.
  • non venga violata la privacy di persone o compagni consenzienti e non, tramite foto/riprese non autorizzate, illegali o di cattivo gusto.

Gruppi.

  • Chiedere agli studenti di formare gruppi di 3/5 persone con 1 capogruppo che collabori con i docenti controllando che il proprio gruppo sia sempre completo.
  • Chiedere di rispettare rigorosamente gli appuntamenti e di arrivare sempre 5 minuti prima di ogni appuntamento.

D ) Provvedimenti Disciplinari.

Al ritorno dal viaggio, sentiti gli accompagnatori, il Consiglio di Classe sanzionerà eventuali violazioni del Regolamento d’Istituto e delle regole di comportamento elencate nel presente documento, attraverso provvedimenti disciplinari.

I provvedimenti disciplinari potranno essere di vario tipo, per esempio:

  • Nota disciplinare.
  • Sospensione individuale o di più studenti per un numero di giorni da valutare.
  • Divieto di partecipazione di singoli studenti alle Uscite Didattiche per il resto dell’Anno Scolastico.
  • Blocco di tutte le Uscite Didattiche dell’intera classe per il resto dell’Anno Scolastico e/o nell’anno scolastico successivo.
  • Divieto di partecipazione di singoli studenti o dell’intera classe al Viaggio d’Istruzione.

 REGOLAMENTO PER L’USO DEL REGISTRO ELETTRONICO DA PARTE DEI DOCENTI
Il registro elettronico è un software che permette di gestire il registro di classe, il registro dei docenti, le pagelle e le comunicazioni con le famiglie.
Tutti i docenti dell';Istituto sono tenuti a inserire le assenze, gli argomenti svolti in classe, i voti, le note normali e disciplinari, le comunicazioni con le famiglie ed in generale tutte le comunicazioni che abitualmente trovavano posto nel registro di classe cartaceo, sul registro elettronico.
Le famiglie degli studenti hanno ricevuto le credenziali (username e password) per poter accedere al Registro elettronico e consultare le informazioni relative ai propri figli. Le modalità di utilizzo del Registro elettronico sono indicate in maniera dettagliata in questo regolamento, che ogni docente è tenuto ad osservare.
Le credenziali di accesso rimangono attive fino alla permanenza del docente in servizio nell’istituto. Idocenti che ne sono sprovvisti o che le hanno smarrite, devono richiederle tempestivamente al personale di segreteria.
Norme sull’ USO DEL REGISTRO ELETTRONICO
Il registro elettronico gestisce dati personali riguardanti gli studenti (assenze, ritardi, uscite,
giustificazioni, voti, note disciplinari, ecc.), dati che sono soggetti alle norme che tutelano la privacy.
Per questo motivo l';utilizzo del Registro elettronico comporta l';applicazione rigorosa del seguente regolamento:
a) Il Docente della prima ora di lezione è tenuto a:
Collegare il dispositivo alla rete ed entrare nel registro elettronico anche se usa un proprio
dispositivo.
Se la classe non è entrata alla prima ora, questo compito spetta all’insegnante della prima ora effettiva di lezione.
Ogni Docente alla fine dell’ utilizzo del suo registro elettronico deve assicurarsi di aver chiuso il proprio account prima di lasciare la postazione (logout).
b) Il Docente dell’ultima ora effettiva di lezione deve aver cura di chiudere il Registro elettronico.
c) I PC, i portatili e i tablet in dotazione ai docenti per accedere al registro elettronico, sono beni di proprietà della scuola e pertanto devono essere conservati con la massima cura. Il danneggiamento doloso o lo smarrimento del dispositivo o di una sua parte saranno oggetto di indagine per la ricerca di eventuali responsabilità.
d) I Docenti sono tenuti alla lettura e alla registrazione immediata delle circolari destinate alla classe; la segreteria e/o il Dirigente scolastico vigileranno sulla tempestiva applicazione di questa direttiva.
e) La password assegnata inizialmente al docente dovrebbe essere cambiata al primo utilizzo e deve essere assolutamente riservata, non può essere comunicata in nessun caso ad un';altra persona.
f) In caso di smarrimento della password, il docente deve informare immediatamente e per iscritto la Segreteria dell'Istituto che provvederà, in forma riservata, al rilascio di una nuova.
g) Le assenze, i ritardi, le note disciplinari, i voti, le assenze, gli argomenti delle lezioni e le
comunicazioni con le famiglie devono essere inserite sul Registro elettronico della Classe
esclusivamente dal Docente presente in aula in modo attento e responsabile evitando mancate od erronee registrazioni (es. firma su un’ora non corretta). Se temporaneamente in classe non è disponibile un dispositivo che permetta l'utilizzo del Registro elettronico o se quello presente non funzionasse, il Docente deve comunque provvedere in tempi rapidi;
h) l voti relativi alle valutazioni orali vanno inseriti sul Registro elettronico in via generale nell'arcodella giornata e comunque entro 7 giorni dall’evento , quando saranno visibili alle famiglie;
i) i voti relativi alle prove scritte e pratiche, o ai questionari validi per le prove orali, devono essere inseriti, in corrispondenza della data di somministrazione, sul Registro elettronico entro 20 giorni dalla data di svolgimento delle prove stesse;
j) Le assenze, i ritardi, le uscite, le giustificazioni, le note disciplinari e le comunicazioni con le famiglie sono consultabili dai Genitori dell’alunno interessato in tempo reale;
k) In caso di malfunzionamenti e anomalie che impediscano l';utilizzo del Registro elettronico, ilDocente deve avvertire immediatamente i tecnici e/o i responsabili ed il Dirigente Scolastico e comunque provvedere in tempi rapidi ai dovuti adempimenti.
l) Il Dirigente, i Docenti, il Personale di segreteria e tutto il Personale che vengano a conoscenza dei dati personali contenuti nel Registro elettronico sono tenuti alla massima riservatezza;
m) I dati del registro elettronico non possono essere inseriti, modificati o cancellati dalle persone non autorizzate. Il trattamento illecito dei dati viene sanzionato in modo severo dalle leggi vigenti.

Regolamento uso del registro elettronico

Regolamento d'uso del registro elettronico

RegistroElet1

 

 

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookies impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo, vedere la nostra Politica sulla Privacy . We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information