Notice: Undefined property: JCategoryNode::$link in /var/www/vhosts/comprensivo1.gov.it/httpdocs/plugins/content/fb_tw_plus1/fb_tw_plus1.php on line 269

Il progetto

 

logoclasse

Gameover: il progetto in sintesi

Gameover: il progetto

Gameover - documentazione finale

{qtube vid:=pMOAbjtV1Gs? w:=600 h:=400 c1:=00ff00 c2:=0000ff b:=0 rel:=0 ap:=0}

Io, anzi NOI  documentiamo così.
Cerchiamo di dare voce ai dubbi, agli slanci di questi tre anni trascorsi insieme.
Mentre i prof parlano, ricordando i fallimenti, le zone d'ombra, i successi i possibili sviluppi e le cose importanti, scorrono le immagini dei lavori fatti sotto la guida dell’insegnate o in modo autonomo dagli alunni; le voci dei ragazzi si mischiano con quelle dei docenti.
In alcuni casi sono stati usati dei semplici tutorial che i ragazzi hanno preparato, le immagini del blog e della piattaforma elearning, dei lavori creati con gli strumenti di Google docs (ora drive) e maps, hot potatoes, strumenti di Office  e openoffice, c map, geogebra…… molto è stato fatto utilizzando risorse on line.
La rete ha sempre permesso di usufruire di servizi gratuiti (mindomo, prezi, anobii, slideshare…). Si spera che la situazione resti invariata rispetto al passato e consenta l’uso gratuito soprattutto delle scuole.
Si segnalano alcuni inevitabili limitazioni dei servizi erogati (es. dipity permette solo cinque mappe, spazi ristretti di archiviazione) e ciò apre uno scenario complesso per quanto riguarda il problema delle risorse.
Come è da segnalare il bisogno forte di avere nelle scuole collegamenti ad internet gratuiti, veloci e potenti; tutte le cl@ssi 2.0 avevano come prerequisito la connessione alla rete, ma l'uso quotidiano dei laboratori, la disseminazione nelle altre classi con alunni e docenti connessi anche con i loro device, le hanno rese insufficienti e inadeguate.
lente
Al di là delle risorse che si usano, e ce ne sono tante (non è importante se usiamo Glogster piuttosto che google suites....), la cosa fondamentale è che la sperimentazione ci ha obbligato a parlare di didattica, è stata una sorta di lentediingrandimento che ha reso più VISIBILI tutti i pregi e i difetti del nostro lavoro. Inoltre ci ha obbligato a rileggere i fondamentali delle discipline, i nodi del sapere, a ridiscuterne nel luogo giusto: nel consiglio di classe e in modo più ampio con i colleghi delle altre classi in sperimentazione, in una vera e propria rete virtuosa (oltre che virtuale).
Parlare di didattica nel consiglio di classe è stato strettamente unito alle caratteristiche degli strumenti tecnologici che tutti hanno usato indipendentemente dalle competenze iniziali. Ognuno dei docenti e degli alunni ha potuto seguire un percorso personalizzato di "iniziazione" alle tecnologie sperimentando e studiando l'applicazione di piccoli percorsi, traguardi più o meno lontani.

La scrittura è stata rivoluzionata. La scrittura digitale è pervasiva... Mai si è scritto e letto di più. Ogni passaggio sul digitale prevede un testo scritto-letto. Le circostanze comunicative della scrittura digitale rendono obbligatorie alcune riflessioni sulla accettabilità dei messaggi, la loro leggibilità, la manipolazione dei testi altrui e propri. Obbligano ad una costruzione di testi complessi paroleimmaginilinksuonianimazioni molto più articolata e soprattutto più legata a una sceneggiatura e a una progettazione.
Copiare informazioni, scrivere testi originali si intrecciano molto più saldamente che nel passato e in questo scenario il ruolo del docente come mediatore e problematizzatore, una specie di nuovo grillo parlante che si trasforma ma resta essenziale.

Abbiamo dovuto discutere e riflettere sulla documentazione didattica, su modi e strumenti che permettano in modo meno burocratico di raccontare e rendere fruibile anche all'esterno i percorsi realizzati.
Il video è stato registrato con la telecamera della scuola e con il telefono; gli alunni hanno scelto programmi gratuiti o servizi web per catturare le schermate, il tutto è stato montato con il programma imovie, ovviamente non si tratta di un prodotto professionale.

Primo anno

  1. settembre: Formazione a Montecatini (tre docenti)
  2. Incontro con Gruppo di supporto Prof. Maragliano presso la Scuola
  3. novembre: il progetto
  4. novembre: la lim
  5. dicembre: incontro con prof.Cartelli, Università di Cassino, Gare Castoro e collaborazione per una tesi di Laurea
  6. febbraio: incontro nazionale a Roma con le Fondazioni
  7. marzo: incontro USR-Ansas-Università
  8. maggio: incontro IrreLazio: documentazione
  9. giugno: incontro Piazza telematica UniRoma3
  10. formazione docenti sull'uso della LIM (Piano ANSAS)

Secondo anno

  1. settembre: Piazza Telematica UniRoma3 formazione libera tre giornate (4 docenti)
  2. settembre: aula mobile, un netbook per alunno
  3. settembre: inizio attività 2.0 con una nuova prima
  4. febbraio: Rimini, Cl@sse2.0 per la Secondaria di II grado, partecipazione ai seminari
  5. marzo: incontro Roma USR e Irrelazio
  6. aprile/maggio: concorso Decalogo della sicurezza informatica (2° classificati)
  7. 11 maggio: IMPLEMENTING 21ST CENTURY WAYS OF LEARNING AND SCHOOLING
  8. dicembre/marzo: formazione interna aperta anche alla scuola primaria "lim e oltre..."
  9. giugno/luglio: formazione interna Sito Scolastico con jooomla
  10. giugno/luglio: formazione interna Gestione della rete interna alla scuola
  11. giugno/luglio: formazione interna Piattaforma Docebo per Amministratori

Terzo anno

  1. settembre: formazione interna Docebo per tutti
  2. settembre: attivazione di una nuova classe 2.0
  3. ottobre: incontro Piazza Telematica UniRoma3 con USR e IrreLazio
  4. ottobre: Seminario Montecatini per Coaching delle Cl@ssi2.0 Scuola Primaria
  5. novembre: Genova ABCD
  6. realizzazione aula per lavori in gruppo Mac
  7. marzo: Incontro UniRoma3
  8. aprile/maggio: incontri con IrreLazio per la documentazione
  9. formazione LIM

Il futuro

Anno scolastico 2012 - 2013 

  • due sezioni intere dell'istituto sperimentano la attività 2.0
  • uso del sito di istituto e mailing list come veicolo per la comunicazione interna
  • organizzazione di mini-incontri di "formazione" per soddisfare bisogni pratici di utilizzo delle tecnologie 
  • invito da parte del MIUR alla Fiera ABCD di Genova per sperimentare con gli alunni della classe 2E, accompagnati dai proff Elisabetta Pignatelli e Giancarlo Mangiapelo, gli spazi innovativi allestiti all'intenno del progetto "... quando lo spazio insegna"
  • invito da parte dell'ANSAS alla Fiera ABCD di Genova alla prof Antonietta Casano per relazionare e partecipare alla tavola rotonda "Dove va la scuola digitale?"
  • pubblicazione del video di documentazione sul sito ufficiale di documentazione nazionale SCUOLA DIGITALE
  • pubblicazione dell'articolo di Silvia Panzavolta che riassume alcune esperienze 2.0

Anno scolastico 2013 - 2014