Mi chiamo Giancarlo....

Ha spopolato in rete e in TV; il Protocollo d'Intesa per la diffusione dei contenuti della Dichiarazione dei diritti e doveri in Internet, elaborata dall'omonima Commissione di studio ha riproposto il monologo di Paola Cortellesi sul bullismo. Accompagnano la narrazione della storia le strofe de “Il Guerriero” di Marco Mengoni. C'è anche Matteo Valentini che di fronte a cattiverie e difficoltà, si rifugia nel mondo dei supereroi.

Un bel miscuglio di parole, musica, teatro e fumetto per leggere la realtà e combattere.

CLIC QUI per vedere il video e CONTINUA a leggere per leggere il testo.

bullismo 1

Mi chiamo Giancarlo Catino e credo nell’amicizia! ho 6 anni e oggi è il mio primo giorno di scuola! ho conosciuto subito la popolazione degli unni: sono i miei compagni di classe! nel giro di tre minuti abbiamo urlato a squarciagola la lettera e. eeeeeeeehhh!!!!!!
Giochiamo a buttasse de sotto dalla finestra? (io mi so buttato loro no)
- eeeeeeeehhh!!!!!!
Giochiamo ad ammazzare gli zombi e le femmine fanno gli zombi?
eeeeeeeehhh!!!!!!
Poi ho preso 3 ceffoni, 6 sgambetti e 1 cazzottone in testa, è per questo che mi sono ritrovato al primo banco. andrea rozzi, un compagnuccio scalmanato, mi ha subito ribattezzato “bersaglio mobile” e la mia schiena è diventata il campo di atterraggio di aerei di carta, bucce di banana e matite spezzate... (ride) mi tirano addosso di tutto! all’ultima ora mi è arrivato in testa pure un compasso! e’ un giorno che non dimenticherò mai... la mia prima cicatrice in fronte!

Mi chiamo Giancarlo Catino e credo nell’amicizia. i miei compagnucci nel corso degli anni hanno declinato il mio nome per scherzo in ogni modo: “giancappio, giancavolo, giancacca e giancojòne.
Poi si sono sbizzarriti anche col cognome che ha ispirato una canzoncina mitica che mi cantano sempre a ricreazione: “Catino cretino, sei un quattrocchi e c’hai il pisellino”
Che spasso! Andrea Rozzi per farmi uno scherzo ha sparso la voce che avevo i pidocchi, che matto! oh, ci credete che da allora nessuno mi ha più invitato a una festa? adesso oltre a quattrocchi mi chiamano pure pidocchioso! mio cugino luca che fa la quinta, a ricreazione l’ha sentiti e dice che non dovrebbero chiamarmi così... io li lascio fare perché penso che prima o poi smetteranno.
Mi chiamo Giancarlo Catino e credo nell’amicizia. ho 11 anni e sto alle medie! pure i nuovi compagni di scuola sono una banda di buontemponi! sono stato fortunato perché in classe mia ho trovato anche anche andrea rozzi cioè così almeno conosco qualcuno! sono andato un po’ su di peso e così hanno cominciato a chiamarmi con dei nuovi simpatici appellativi: suppli’, bombolone, strofinaccio, cicciottone/ carta da parati, quattrocchi e zinnacchione/ puzza di piedi, cacone, calcinaccio/ sterco, pippa, sega, cicciabomba, palla e straccio.
Non è che mi fa piacere ma pazienza, se penso che rinaldi lo chiamano vomito, a me è andata di lusso. l’altro giorno mi hanno buttato dentro a un cassonetto della mondezza! sono riuscito fuori tutto sporco de sugo e avanzi. mio cugino luca che è in terza mi ha visto, io per la vergogna mi sono accucciato nel cassonetto e tutti hanno riso. come ci torno a scuola domani...
Certe sere mi affaccio dalla finestra e mi chiedo come sarebbe volare via e sparire per sempre.... di sicuro non mi chiamerebbero più sterco...

Mi chiamo Giancarlo Catino e credo nell’amicizia. ho 14 anni e ho iniziato il liceo scientifico. in classe mia ci sono due gruppi.... e poi ci sto io.ho capito che la cosa migliore è parlare il meno possibile così non mi vedono. invece che palle non è servito a niente: mi hanno avvolto nel nastro adesivo, mi hanno bruciato i jeans con l’accendino e mi hanno disegnato un pene sulla fronte col pennarello indelebile. a causa di questo ultimo avvenimento a casa mia si sono accorti di quello che mi fanno a scuola . mia madre ha fatto un sacco di storie. poi mi hanno costretto a parlare con la psicologa. perchè in quel video su you tube non facevo bella figura. la verità è che mi vergognavo a parlare con i miei... la verità è che vorrei essere diverso... stamattina sono entrato nella palestra di scuola mia e ho puntato il più carogna dei miei compagni. l’ho guardato fisso negli occhi e ho pensato che volevo sconfiggerlo.

Così l’ho abbracciato... e ho vinto io.

Mi chiamo Giancarlo Catino e credo nell’amicizia

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookies impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo, vedere la nostra Politica sulla Privacy . We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information